martedì 11 febbraio 2014

Celebration of Clay

Quanto è meravigliosa la ceramica? Io ADORO la ceramica (adoVo). E' uno dei miei materiali preferiti, perchè, come dico sempre, è "Duttile e dilettevole" ...ed è anche utile, certo.
Io ho sempre fatto esperimenti con argilla grezza, da piccola in colonia la cuocevamo in un forno artigianale su modello di quelli usati nella preistoria, ed era un'attività che mi piaceva un sacco.
Non posso negare che mi piacerebbe ancora di più provare a colorarla con gli smalti, ma purtroppo credo sia difficile reperire i materiali e trovare un laboratorio adatto in cui cuocerla. Per cui mi limito ad osservare gli oggetti bellissimi che trovo nei musei o nelle esposizioni come quella visitata la scorsa settimana.

Celebration of Clay è una raccolta di pezzi in ceramica dell'artista Kate Malone esposti nella Lobby di One Canada Square, uno dei grattacieli di Canary Wharf in cui si accede attraverso il centro commerciale sotterraneo che collega Tube e DLR. 
Kate Malone si ispira a forme organiche per creare vasi e contenitori dalle dimensioni più varie. Indaga le geometrie naturali di ghiande, zucche e carciofi per ricavare dei pattern tridimensionali d'effetto e ne esalta la bellezza con colori brillanti e naturali lasciati colare sull'opera in una notevole gamma di toni. 
Quello che più mi affascina di questi colori è la loro disomogeneità, che crea sfumatire e si scurisce quando si raggruppa negli angoli o nelle insenature come fosse caramello, mentre resta brillante e limpida nelle zone più ampie. Talvolta la presenza di sali crea una texture disomogenea sulla superficie rivelando zone opache o con minore concetrazione di colore.
Poi la gamma di colori, per quanto varia, riesce sempre ad accordarsi in una palette perfetta, e questo per me è spettacolare. 
Le colature, la disomogeneità dei toni, la brillantezza dall'aspetto quasi liquido: tutto sembra allo stesso tempo casuale e perfetto, un attimo fissato per sempre sulla materia durante la cottura rende questi vasi quasi vivi. Starei delle ore a guardare queste meraviglie in ogni dettaglio.

L'esposizione dura fino al 14 Marzo 2014, essendo in uno spazio pubblico è gratuita, non è molto vasta, ma se siete per caso a Canary Wharf vale la pena fare un giro. 
Altre info le trovate QUI
QUI invece trovate un video di Kate Malone e il suo processo creativo.

22 commenti:

  1. Non ho mai lavorato lac eramica.. anche io mi son sempre dilettata con la creta che magari cuocevo a scuola o con il gesso ( che non mi è mai piaciuto!)....
    Ho amiche che hanno dipinto spesso la ceramica , so che è abbastanza difficile , qui vicino a Firenze ci sono molte scuole di ceramica (Empoli/Montelupo vivono sulla ceramica!) chissà... magari un domani provo anche questa avventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, nel Centro Italia ci sono molti posti conosciuti per la ceramica e l'artigianato, se hai l'opportunità prova!

      Elimina
  2. Ho sempre sognato di fare un corso di ceramica raku, mi affascina la casualità insita in quel processo. Magari nel 2014 ci riuscirò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragù: l'aveva fatto mia madre quando ero piccola, io so poco o nulla di questa tecnica, mi ricordo solo che il corso era carissimo e dopo il primo ciclo smise di frequentare. Anche tu: se hai l'opportunità di provare, fallo!

      Elimina
  3. Non avevo capito fossero COSì grandi quei vasi! L'ho capito solo guardando il video di Kate Malone mentre li crea! Sono molto belli, vedere il processo creativo è entusiasmante! Anche a noi da piccoli a scuola facevano lavorare l'argilla, ma credo la cuocessero loro in forno. Una volta ci portarono persino da un signore che fa terrecotte per professione, e li ci fecero sperimentare! Troppo divertente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, non l'ho scritto che erano enormi perché alcune, tipo le giande, sono di dimensioni normali ( circa 20cm), mentre il finocchio, il carciofo e il vaso giallo saranno alti un metro abbondante. Anche a me piace un sacco modellare la creta :-)

      Elimina
  4. Stupendi.. mi piacciono davvero tanto!
    La prima immagine mi ha abbagliata.. carciofooo! Bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, davvero, il carciofo è bellissimo! :-D

      Elimina
  5. Non so, ho famose fabbriche di ceramica a 5 min da casa mia, non tutti i prodotti mi fanno impazzire. Amo le maioliche con bei colori (l'arancio, il rosso, il blu elettrico)... e comunque odio i carciofi :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come in tutte le cose: i gusti sono gusti e non tutto riesce bene. A me più che il prodotto in sé affascina il materiale.
      I carciofi non ti piacciono neppure crudi? Lo chiedo perché sono in pochi quelli che non li fanno cuocere e non sanno cosa si perdono... Ah, quanto mi mancano i carciofi qui!

      Elimina
  6. La ceramica è arte. Adoro le opere rinascimentali dei Della Robbia, e più prosaicamente sono attratto da tutti gli arredi domestici in ceramica. Alcuni di questi lavori sono particolarmente atipici, io preferisco sempre le forme tradizionali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggevo proprio sta mattina il processo per colorarle. Le ceramiche dei Della Robbia hanno preso persino la denominazione di Robbiane.
      Io credo sia un metodo che, se pur antichissimo, si presti bene anche a delle opere molto moderne. Quelle che preferisco sono semplici nella forma, tradizionali diciamo, ma con delle texture e colori brillanti e un po' astratti.

      Elimina
  7. La seconda foto è davvero stupenda *____*
    Piacerebbe anche a me lavorare con l'argilla, ma come un po' tutte le cose, se non si è pratici il risultato lascia tanto a desiderare -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non provi non diventerai mai pratico ;-D però è più comodo provare prima con il DAS magari (così non lo devi neppure cuocere)

      Elimina
  8. Ciao!!
    Quante cose interessanti stai facendo e che bei disegni hai fatto nei post precedenti! Sei proprio brava!
    ... perdonami se non passo spesso a curiosare cosa fai... Sono sempre piena di cose da fare! Buon divertimento con tutti i tuoi impegni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laubao! Anch'io sto perdento un po' di post e riesco a malapena a scrivere i miei, per cui figurati! Prima o poi recupero ;-)

      Elimina
  9. La cosa che mi è piaciuta di più è stata leggerti: quasi quasi mi convinci ad appassionarmi di ceramica ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono golosa di cibo, ma potrei mangiar l'Arte :-)

      Elimina
  10. Che meraviglia! La ceramica come materiale mi piace molto, ma purtroppo non ho mai avuto occasione di usarla.
    Potrebbe piacerti questo blog: http://alisannasplace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto bello questo blog: l'ho visto di sfuggita, ma appena posso passo a fare una visita approfondita. Thanks!

      Elimina
  11. Qui c'è una forte tradizione artistica riguardo le ceramiche (Caltagirone) e devo ammettere che fino a qualche anno fa non mi piacevano nemmeno molto, le trovavo molto grezze; poi ho cominciato a decorarle anche io e ho iniziato ad apprezzare anche questo tipo di artigianato. Sono oggetti molto particolari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo delle tue ceramiche dipinte :-)
      In effetti molte zone in italia hanno la propria tradizione su come modellare e dipingere ceramica e creta, sarebbe interessante mettere a confronto le varie tecniche.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...