giovedì 21 febbraio 2013

The IKEA's Curse

Già una che passa le sue giornate a studiarsi il catalogo Ikea, quello cartaceo quando non ha a disposizione quello su web, confrontando gli stili proposti ogni anno... non sta bene.
source
Figuratevi che nei giorni antecedenti al trasloco (praticamente a Natale), a sottoscritta si era creata una bella tabellina excel con l'elenco di tutti gli eventuali mobili che avrebbe dovuto acquistare per la nuova casa. Classificandoli per misura, stile, ma soprattutto prezzo. Confrontando continuamente differenze e analogie tra il catalogo on line italiano e inglese e arrivando persino a conoscere a memoria i nomi impronunciabili dei vari pezzi.
Giusto per curiosità, lo so che ve lo state tutti domandando (ma tutti chi???), vi dico che
i cataloghi sono praticamente identici, i mobili sono gli stessi che potete trovare in Italia, e giusto i prezzi subiscono qualche variazione con la sterlina aggregando in genere più di una cosa nel prezzo complessivo, ed è lì che bisogna stare attenti.
Visto che non si è capito nulla, faccio un esempio:
Se il letto FJELLSE nel catalogo Ita è 55€, nel catalogo UK è 55£.
"Bella fregatura!!!" direte voi, dato che la sterlina è circa 1,2€! No, non è proprio così!
Perché se leggete attentamente, in quello inglese sono comprese le doghe, mentre in quello italiano le devi comprare a parte e costano 13,50€ l'una, quindi ai 55€ si aggiungono 27€... che non è poco!
Ecco, ora iniziate a capite a che livelli di follia è arrivata la sottoscritta, che per di più a fare conti è una capra e Mr. Fedo quando la vede con la calcolatrice in mano la chiama "La mia piccola Tremonti".
Fatto sta che, quando siamo arrivati in UK, avevo già il mio bell'elenco di cose da comprare in "priorità assoluta" via internet, e quelle che avrei potuto prendere direttamente nello store.
E qui inizia la maledizione (="curse" in inglese).
Ad una prima e sommaria visita nello store, per sincerarmi che i pezzi che avevo scelto fossero come me li ero immaginati da catalogo, ci siamo resi conto che alcuni dei mobili scelti non erano disponibili in quel determinato negozio.
Poco male se si ordina on-line!
E infatti: ho passato il mio elenco a mr.Fedo affinché se ne occupasse lui e già lì...non è andata esattamente come doveva andare.
Avendo un credito limitato sulla mia carta prepagata, che invano avevo tentato di ricaricare in Italia (maledetto server rotto durante le feste natalizie), ci era consentito acquistare solo alcuni dei mobili "prioritari" del mio elenco, così mr.Fedo ha pensato di prendere le cose più grosse per la consegna a casa, e lasciare ad esempio 2 sedie che avremo potuto comodamente caricare in auto.
E qui mi sento io in colpa di non aver istruito abbastanza bene il mio "pupillo" sul compito che gli avevo assegnato dato che, tali sedie, erano tra le cose che il nostro store NON AVEVA!
source
Per ora ci siamo accontentati di due sedie, per le prossime aspettiamo di rifocillare l'elenco con quello che ancora ci manca e fare un altro ordine (che però ci costa 35£...dannaz...!).
E comunque 2 sedie sono già una gran cosa, dopo aver passato le prime due settimane senza neppure un letto, un tavolo e delle sedie appunto su cui sedersi.
Il giorno che sono arrivati i primi mobili però c'è stato un altro piccolo problema...
 A parte la scortesia degli addetti, che non hanno neppure pensato di chiedermi se volevo aiuto per trasportare la roba e mi hanno lasciato con un tavolo, un materasso e un letto impacchettati nell'entrata, che se non c'era il muratore ad aiutarmi ero ancora lì sepolta dal materasso nel tentativo, vano, di trasportarlo sulle scale al piano di sopra. Dicevo, a parte tutta questa solerzia, mi hanno anche scaricato uno scatolone enorme e pesantissimo... che non era mio!
Ovviamente me ne sono accorta solo dopo che l'avevamo portato al piano di sopra... sigh!
Avevo giurato a me stessa che la volta dopo mi sarei fatta aiutare... a costo di sbarrargli la porta! E invece... quella chiusa in casa sono stata io.
Source
Dovevano consegnarci un armadio di domenica, ora: non ben precisata, ma supponevamo di pomeriggio. Così, la mattina, dovendomi occupare di alcune faccende casalinghe, ho mandato mr.Fedo a fare la spesa. Senza pensarci, mr.Fedo oltre alle chiavi della macchina, si è portato via anche l'unica copia delle chiavi di casa. Chiudendomi dentro.
Inutile dire che l'armadio è arrivato proprio mentre mr. Fedo era via... e vagli a spiegare (dalla finestra) a quelli di Ikea che "mio marito mi ha chiuso in casa e non tornerà che tra un quarto d'ora e che le scatole del mobile potete lasciarmele sugli scalini davanti alla porta..".
Va beh, dopo tutto questo e dopo tutte le altre 759 volte che chi siamo recati all'Ikea da quando siamo qui per acquistare qualcosa, posso dire di sentirmi una maledetta esperta (o un'esperta maledetta).
Se ancora non vi siete annoiati a sentirmi parlare di Ikea, magari rincaro la dose con qualche altro post a tema.

28 commenti:

  1. Ahahahahah.... io non mi sono annoiata.. anzi, mi spiace per la tua sventura ma muoio dal ridere.. ti volevo vedere chiusa in casa mentre gridavi qualche cosa di incomprensibile dalla finestra a questi esseri Ikeani.. ahahahah!
    Poverina.. anche la faccia di Mr. Fedo quando è tornato sarebbe stata da immortalare! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti si sono messi a ridere anche loro... Ho dovuto pure firmare la consegna con il braccio fuori dalla finestra: qui non si aprono del tutto ma solo la parte superiore... Che roba scomoda!

      Elimina
  2. Mia cara!
    In quanto a confrontare mobili e farsi tabelline Excel per catalogare i mobili e poi scegliere...hai qui un'altra esponente del clan :D
    Tra l'altro qui nel negozio di Padova non si può ancora comprare online e infatti la nostra Twingo deve ogni volta sopportare pesi immani e viaggi ai limiti della decenza :-|
    Ma lì la consegna quanto costa?

    P.s. Io guardo sempre il catalogo cartaceo perchè mi piace il profumo che hanno le pagine :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh... Ricordo il tuo post su IKEA ;-)
      Qui puoi andare allo store, scegliere il pezzo e portarlo a loro dicendo: mandate melo a casa, e in gene lo portano il giorno dopo, come é successo quando sono stata chiusa in casa... Non mi ricordo se costa, devo chiedere a Fedo.
      Oppure puoi fare l'ordine on-line da 35£, ma c'è molta più roba perchè non arriva dallo stesso store più vicino, ma magari da un altro dove c'è disponibile ciò che hai scelto.

      Controlla comunque il catalogo on line, perché su quello cartaceo non c'è sempre tutto!

      Elimina
    2. Che non ci fosse sempre tutto lo avevo notato in effetti... mumble mumble, devo verificare di nuovo...
      Tanto vuoi che non ci serva qualcosa da Ikea da qui ai prossimi due mesi? :D

      Elimina
    3. Invece quello di Torino era più fornito di quello che c'è qui

      Elimina
  3. ahahhahahhaha...le tue avventure sono buffe e mitiche allo stesso tempo. Spero che adesso le cose inizino a girare per il verso giusto in caso contrario Goooooood luck!!! (ce ne vuole tanta tanta)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... Il muratore non si fa vivo da due settimane e abbiamo un buco nel pavimento del sottoscala... Tanto per dirne una...tanta fortuna davvero!

      Elimina
  4. Ti sono vicina!
    Anche se non ho dovuto fare confronti tra il catalogo italiano e quello inglese ho avuto anch'io il mio momento di follia valutando tutte le opzioni, prezzi ecc. fino ad imparare a memoria i nomi dei mobili... E chiaramente ogni volta che mi decidevo per qualcosa era esaurito in negozio o addirittura fuori catalogo! Sgrunt!
    Tutti gli abeti abbattuti per la costruzione dei mobili devono averci lasciato una qualche maledizione per rendere l'acquisto il più disagevole possibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh... I momenti di follia Ikea lì abbiamo avuti quasi tutti.... Poveri alberelli, spero che almeno un po' vengano riciclati!

      Elimina
  5. non ci hai annoiati, ma non lanciarti dalle finestre per firmare moduli di consegna, te prego :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li sentivo ridere, capisci??? Maligni...

      Elimina
  6. Mamma mia!!
    Io sono una fan dell'Ikea, però sono mooolto contenta di essermi ritrovata la casa già più o meno ammobiliata. Peraltro ce la stiamo cavando incredibilmente bene a recuperare mobili usati aggratis. Quello su cui abbiamo problemi è dare via le cose, finiremo sepolti -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Ikea ha i suoi pregi, ma anche i suoi difetti... Come tutto. Io avrò già montato una decina di cose ikea da quando sono qui, più altre in Italia e ti posso dire che certe volte sono meglio i mobili vecchi per materiali e resistenza...

      Elimina
  7. Quando mi sono arredata la mia stanza sono andata a prendermi i mobili direttamente all'IKEA, con il risultato che ancora un po' e non riuscivamo ad estrarre il piano della scrivania dalla macchina con cui avevamo rischiato la vita trasportandoli XD
    Immagino ora che la tua casa sia sulla lista nera dei fattorini IKEA ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe cose, tipo il letto non ci sarebbe proprio stato in auto... Fedo ha però portato diverse cose a casa, lasciandomi temporaneamente all'Ikea per impossibilità di farmi salire in auto.

      Per come si danno da fare i fattorini non credo proprio che sia un problema per loro la mia casa... È già tanto se varcano la soglia con i pacchi in mano e non devo tirar lì fuori io dal camion!

      Elimina
  8. Santa Ikea! Esisterà ancora qualcuno che va in un mobilificio qualunque?? In genere trasporto le cose da sola, ma il mega armadio con ben due cassettiere interne era impossibile da caricare. Me lo sono fatto portare e anche se ho pagato per il servizio ho anche dato dato la mancia ai due disgraziati che me l'hanno portato.... Circa 20 pacchi, pesanti, al 5° piano (senza ascensore)...

    Restare chiusa dentro casa è uno dei miei incubi ricorrenti, divento claustrofobica! Clyo, urge fare al più presto un doppione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nostro armadio aveva "solo" tre scatole... Qui è pieno di negozi di arredamento, oltre ad Ikea, però ikea è più conveniente e le istruzioni sono ben fatte: io ho preso altri due mobili in un altro negozio fai- da-te, ma sono impazzita per montarne uno da sola.

      Io non abito al 5*piano, al massimo scappo dalla finestra al pian terreno: è complicato ma si può fare...hai ragione dobbiamo fare una copia delle chiavi ;-P

      Elimina
  9. Quando venderai i diritti della vostra avventura inglese a qualche regista teatrale? Successo assicurato

    RispondiElimina
  10. Ma vedo che anche tu sei alle prese con il trasloco (oltre a un bel cambiamento: Londra! che invidia!!). Io ho iniziato dai libri e mi sento già sommersa dagli scatoloni (non sai quanto mi è costato chiudere i libri nelle scatole ma così è!). Però alla fine è sempre una grande emozione, anche se ci si sbatte. Buon lavoro e buon cambiamento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EI miei libri sono rimasti tutti in Italia purtroppo, ma spero di fare buoni acquisti anche qui. Il cambiamento è stato totale e praticamente immediato, tanto che non me ne sono resa ancora del tutto conto, ma non siamo a Londra, ma ad un'ora di distanza.

      Elimina
  11. Ma no, povera, chiusa in casa!
    Immagino la pazienza che ci può volere per confrontare i cataloghi Ikea, i prezzi, i modelli... In casa in Italia non ho praticamente nulla di Ikea, qui in Giappone tutto, il padrone di casa ovviamente ha arredato pensando alle proprie tasche, la qualità comunque mi sembra più che accettabile.
    Il racconto comunque è tutt'altro che noioso, mi verrebbe da ridere se non fosse che per te è stata una gran scocciatura!
    Ora vado a recuperarmi tutti i post che ho perso nell'ultimo periodo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh... il confronto tra qualità e prezzo di Ikea è comunque conveniente, ma alcuni pezzi hanno rifiniture poco resistenti, bisogna stare attenti ai cassetti per esempio che hanno spesso fondi di cartone e si sfasciano (mi è capitato), ma diciamo che praticamente tutti i mobili ikea non sono pensati per durare più di una generazione, per cui va bene così, basta farci l'occhio e valutare quanto conviene spendere in base a quanto vuoi che duri il mobile.
      Non trattenere le risate, viene da ridere anche a me ;-P

      Elimina
  12. Credo che nella lista delle priorità si debba aggiungere "copia chiavi di casa".
    Certo che quando bisogna arredare da zero una casa le situazioni comiche non mancano.
    Ma i mobili non andrebbero consegnati entro la soglia di casa?
    Perchè li hanno lasciati fuori? Questi inglesi scansafatiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che ho telefonato a Fedo mentre ero chiusa in casa e lui mi ha detto : tieni d'occhio i mobili e arrivo! ....sì, ok, più che tenerli d'occhio, cosa vuoi che faccia? Mi metto ad inveire contro i passanti così da non farli avvicinare???

      Elimina
    2. Sarai così ricordata come "la vicina pazza che urla alla finestra" XD

      Elimina
    3. ... In una lingua incomprensibile! Ahahah

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...