lunedì 28 aprile 2014

Shakespeare e Morti

Ok, il titolo può sembrare decisamente macabro (o disgustoso) a seconda dei punti di vista, ma decisamente non tutto è quel che sembra.
"Morti" è il nome della mascotte dell'Archivio Archeologico di Londra, ovviamente in inglese non significa nulla, se non il diminutivo di Mortimer: l'edificio in cui sono stanziati il LAARC e il MOLA (Museum of London Archaeology) si chiama infatti Mortimer Wheeler House.
Come avevo già scritto QUI, dopo una sessione di volontariato con i bambini Under 5's avevo presentato dei disegnini di Morti da colorare, cogliendo il suggerimento di una mamma che proponeva di aggiungere all'attività qualche lavoretto manuale da far svolgere ai bambini.
Dopo quella sessione abbiamo fatto altre riunioni per definire i prossimi incontri e, per farla breve, ho collaborato con i miei disegni in altre due sessioni.
A marzo cadeva il 450esimo compleanno di William Shakesperare e l'Archivio ha organizzato una sessione a tema.
Non è stato facile pensare a come introdurre Shakespeare e il teatro elisabettiano a dei bambini sotto i cinque anni, ma con l'aiuto del topolino Morti, è stato facile "viaggiare nel tempo" e far scoprire ai bimbi alcuni oggetti ritrovati nei pressi del Rose Theatre e conservati in archivio.
E' stato creato questo poster in cui Morti utilizza gli oggetti direttamente nel teatro (l'immagine di background non è mia e purtroppo è a bassa risoluzione).
C'è anche un Orso di scena ... che però non è tanto convinto sul perché sia sul palco: nel teatro elisabettiano venivano utilizzate queste povere bestie per gli spettacoli d'intrattenimento, e fra i reperti avevamo anche un osso di orso. 
Ho cercato di renderlo il più carino possibile, ma farlo anche allegro, mi sembrava un po' troppo.
Alla fine della sessione i bimbi hanno potuto decorare dei collari elisabettiani di cartoncino creati da una mia collega con le basi traforate per torte, attaccandoci sopra piume finte, brillantini, pezzetti di carta colorata e bastoncini-pelosi-pulisci pipa: geniale!

30 commenti:

  1. Povero orso, ci credo che non è allegro! Hai fatto bene a rappresentarlo così, un po' mesto, lo trovo molto coerente.
    I topini sono carinissimi, credo che per i bimbi sia molto più facile e divertente imparare cose sul teatro elisabettiano così.
    Ti auguro che questa collaborazione continui - e devo dire che sarei anche curiosa di vedere il topino Morti in altri momenti della storia inglese, a questo punto, quindi spero doppiamente in altri progetti futuri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! In realtà questi non fanno parte del lavoro che mi hanno assegnato, ma delle sessioni di volontariato. Ho ancora qualche topino (rattazzo) da mostrarvi e poi, forse, parte del lavoro che ho svolto e sto svolgendo (mi hanno dato un altro giorno di lavoro, il promo progetto l'ho già terminato).

      Elimina
  2. Secondo me tra un po' ti fanno direttrice del museo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah... con le mie capacità linguistiche non credo di poter fare neppure la guida per ora ;-D

      Elimina
  3. Quando andavo all'università ne ho dovute fare parecchie di lezioni sul teatro elisabettiano, anche se non sono un bimbo avrei partecipato volentieri alla sessione ;-)
    P.S.: ho visto su Al Jazeera i festeggiamenti tenuti a Stratford per il compleanno del buon vecchio William, roba imponente (anche se decisamente acchiappa-turisti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle più interessate agli oggetti sono sempre i genitori in effetti, per cui si divertono anche i grandi :-)
      Io devo andare prima o poi a Stratford-upon-Avon, stiamo rimandando la gita da un po'.

      Elimina
  4. Che belloooo.. voglio venire anche io a fare un tour con i bimbi! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scommetto che anche tu coccoleresti Morti come fanno i bimbi: una gli ha persino portato un Tuc da sgranocchiare... tenera!!!

      Elimina
  5. Una figata, complimenti! :)
    Vedrai che presto ti faranno salire di livello!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, grazie! Non ci sono livelli, mi pagano a giornata e resto freelance :-)

      Elimina
  6. Troppo simpatici gli animaletti da museo! Bravissima, secondo me i bambini si divertono un mondo così!!!

    RispondiElimina
  7. Bellissimi! La tua idea e i tuoi disegni sono fantastici! I bambini saranno stati entusiasti *___*

    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro sono talmente piccoli che apprezzano di più il Morti pupazzetto di peluche, però collaborano e cercano anche Morti sul cartellone con gli oggetti :-)

      Elimina
  8. Che carino il topino Morti :D
    Quello dei nomi che in altre lingue significano altre cose è sempre un problema annoso, non sai mai se chiamando un personaggio così finisci ad insultare qualcuno. Esperte, in questo campo, sono le ditte produttrici di automobili XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà alcuni lo sanno che "Morti" non è proprio un nome felice, infatti ci scherziamo su :-)
      Finché si tratta di una mascotte-pupazzetto la cosa non è grave... quello delle auto un po' di più :-D

      Elimina
  9. Complimenti per i tuoi disegni! Brava! E l'idea del topino che introduce il teatro ai bimbi mi sembra ottima, così si divertono e imparano...Anche io voglio decorare un collare elisabettiano uffa! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia collega è stata bravissima, veniva voglia di decorarlo anche a me mentre lo facevano i bambini, alla fine hanno fatto anche una sfilata XD

      Elimina
  10. Topolini... Orsi perplessi... Shakespeare... *-*
    L'immagine del Rose non sarà ad alta risoluzione, ma è una delizia vederlo pullulare di animaletti. Perché non ho cinque anni?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah... Grazie! Era per dire che non è colpa mia se l'immagine del teatro è sgranata, non è uno scherzo ottico!

      Elimina
  11. Complimenti, Morti è carinissimo! E l'orso ancora pi più, anche se, poverino! Non ricordavo che usassero questi poveri animali nel teatro elisabettiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sì, cani e orsi venivano utilizzati negli spettacoli teatrali, che in fondo erano dei circhi, alcuni di loro divennero anche famosi per l'epoca. Uno viene citato da Shakesperare in una commedia, ma non ricordo quale e non riesco a rintracciare l'articolo in cui l'ho letto, mentre facevo ricerche.

      Elimina
  12. Bellissimo!!! Sia Morti che l'orso, anzi, forse l'orso è il mio preferito. Bravissima Clyo, sei un mito :)

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Che scleri vorrai dire! Ma alla fine ne è valsa la pena ;-)

      Elimina
    2. Direi di sì! A quando il libro? ;)

      Elimina
    3. No, presto ti farò vedere gli altri topi... perché non è finita qui ;-)

      Elimina
  14. Ora puoi mettere anche il museo di Londra tra i tuoi clienti nel portfolio! è bello vedere che diano questa "libertà" ai volontari per inventarsi creazioni e attività da fare con i visitatori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, più probabile che metta in portfolio questi, che non il lavoro per cui mi hanno pagata... Che è un po' più brutto. :-P
      Per alcuni sessioni abbiamo fatto un po' di brainstorming perché erano sessioni nuove, per cui le abbiamo pensate noi volontari e la nostra direttrice, sulla base di quelle precedenti, ma con qualcosa in più a seconda di quello che leggiamo sulle schede valutative delle mamme.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...